• FESTA DELLA CITTADINANZA
    In calo i nuovi forlivesi: quest’anno sono 296 contro gli 833 del 2016

  • LE DOROTEE LASCIANO FORLÌ
    Una presenza che durava da 167 anni. Il saluto della diocesi alle suore

  • GIORNATA DEL SOVVENIRE
    Domenica 26 in tutte le chiese le offerte per il sostentamento del clero

Editoriale

Amare con i fatti

Celebreremo il 19 novembre 2017, 33esima domenica del tempo ordinario in liturgia, la prima Giornata mondiale dei poveri, indetta da un documento di papa Francesco che ha per titolo “Non amiamo a parole ma con i fatti”. Questo significa seguire Gesù povero e, nello stesso tempo, liberare i poveri da una condizione che disumanizza. Non è improprio, nel pensare a questa giornata, fare una riflessione sulla cura della casa comune, per l’intrinseca connessione fra povertà e ambiente. Dice la “Laudato si” al n. 49: “Un vero approccio ecologico diventa sempre un approccio sociale, che deve integrare la giustizia nelle discussioni sull’ambiente, per ascoltare tanto il grido della terra quanto il grido dei poveri”. Al n. 2 si legge: “Fra i poveri più abbandonati e maltrattati, c’è la nostra oppressa e devastata terra, che geme e soffre le doglie del parto” (Rm 8,22).

Franco Appi

Prima Giornata mondiale dei poveri

Voluta da papa Francesco al termine dell’Anno della Misericordia, si celebra domenica 19 novembre

Sono in programma giovedì 16, alle 20.30 a San Mercuriale, la “Lectio pauperum” con riflessioni sulla Parola di Dio, testimonianze e preghiera. Sabato 18, alle 18.30, presso la Casa Buon Pastore, cena con gli ospiti della Caritas e della Capanna di Betlemme; alle 23.00 veglia di preghiera nel chiostro di San Mercuriale, cui seguirà la notte in strada, per condividere l’esperienza dei senza dimora. Domenica 19, alle 17.30 in Cattedrale, messa presieduta dal Vescovo.

Il pizzicotto

Critica a fin di bene

Un documentario realizzato dalla tv tedesca Ard mette sotto accusa Haribo, multinazionale delle caramelle. Si servirebbe di fornitori che sfruttano i lavoratori in Brasile e di allevamenti che costringono gli animali, da cui vengono ricavate la cera di carnauba e la gelatina, a vivere in condizioni disumane. Felicità dei bimbi… a caro prezzo!

    La vignetta della settimana