• CRISTIANI E GUERRA AD ALEPPO
    Alla Sala San Luigi, Munir El Ra’i racconta l’emergenza in Siria

  • RIFORMA DELLA CURIA ROMANA
    Procede il percorso di rinnovamento voluto e avviato da papa Francesco

  • ANNIVERSARIO DI BENEDETTA
    Domenica 22 alla Badia di Dovadola messa con il cardinal Menichelli

Editoriale

Rifugiati e lavoro

In un articolo del Corriere della Sera di Paolo Foschini dell’8 gennaio ho letto: “I profughi trasformano le terre incolte in orti solidali”. L’iniziativa è rimasta sconosciuta forse perché non si presta a commenti che colpiscono la “pancia” della gente. Invece grande è stata l’enfasi dei fatti di Cona, un comune di circa 3mila abitanti della città metropolitana di Venezia, finito sui giornali per una rivolta in seguito alla morte di una 25enne ivoriana, Sandrine Bakayoko, il 2 gennaio per trombosi polmonare. Era una delle tante proteste dovute al sovraffollamento e alle lungaggini per ottenere l’autorizzazione al soggiorno. Alcuni degli ospiti erano presenti da oltre un anno. Se qualcuno ricorda i vecchi allevamenti di polli in gabbia può ritornare ad immagini di aggressività e cannibalismo; così come le periferie che ho visto in alcune città.

Franco Appi

Clicca qui sotto per continuare la lettura

Ai Portici si lotta contro il degrado

Il Comitato di quartiere, assieme ai residenti, propone iniziative di aggregazione, feste e incontri

Un progetto rimasto a metà, per una zona che pare destinata ad un inesorabile declino. Per il quartiere I Portici il Comune sta cercando soluzioni e i cittadini, assieme a parrocchia e associazioni, sono scesi in campo. Armati di buona volontà, a volte anche di sacchi e ramazza, i residenti hanno dato per primi l’esempio, dimostrando nei fatti cosa significa “vivere ed abitare il proprio quartiere”. Organizzando feste, progettando incontri culturali e animazioni per bambini.

Il pizzicotto

Critica a fin di bene

Piccolo problema di matematica civile.
Se il tuo Paese spende per i 3 milioni di suoi cittadini disabili 430 euro pro-capite e per salvare 4 banche 20 miliardi di euro, con i soldi dati a una sola banca, quanti disabili si potrebbero salvare?

La vignetta della settimana