• IRST DI MELDOLA
    Lanciata la raccolta fondi nazionale per sostenere la ricerca sulle cellule tumorali

  • VISITA PASTORALE
    Il Vescovo a Barisano, Malmissole, Poggio, Roncadello e San Giorgio

  • PREGHIERA PER LA VITA
    Veglia con mons. Lino Pizzi venerdì 24 marzo nella chiesa di San Benedetto

Editoriale

La Populorum progressio fa 50

Domenica 26 marzo saranno cinquanta anni dalla firma di Paolo VI dell’enciclica “Populorum progressio”. Invece di tornare a vedere il mondo diviso tra i due blocchi est e ovest, contrapposti nella guerra fredda, questa enciclica descrisse il mondo in un altro modo, nord ricco e sud povero. È la vera divisione che oggi è ancora irrisolta e ancora procura grossi problemi, come l’emigrazione dai Paesi poveri verso quelli ricchi. Nasce così la paura di noi ricchi per le “invasioni” e la presunta insicurezza, dimenticando quanto abbiamo sfruttato quei Paesi e quanto li abbiamo resi insicuri. Al tempo dell’enciclica si stavano propagando le idee del cosiddetto capitalismo compassionevole. Si diceva che se cresce la ricchezza, comunque avvenga, ce n’è sempre un po’ per tutti, a cascata, grazie al mercato.


Franco Appi

Clicca qui sotto per continuare la lettura

Ma non di solo pane vivrà l’uomo…

La crisi ha spinto la comunità a ripensare i modelli di produzione e consumo e i criteri di vita

Di fronte alle sofferenze la comunità dei cristiani e non solo ha riposto con opere di solidarietà. Anche a livello culturale ci si è chiesti come verificare i riferimenti che danno senso alla vita. Ne parliamo nel focus di questo numero dedicato alla Giornata diocesana della Carità, che ha in programma un incontro sabato 25 sul tema dell’accoglienza e la celebrazione con il Vescovo domenica 26.

Torna l’ora legale: le lancette degli orologi saranno spostate avanti di un’ora nella notte tra sabato 25 e domenica 26 marzo. Nel prossimo numero verranno aggiornati gli orari delle sante messe.

Il pizzicotto

Critica a fin di bene

La Svezia ripristina il servizio militare e investe in armi. Il Paese scandivano, neutrale e accogliente, si arrende al vento bellicoso che investe il pianeta. Il Sipri, l’istituto svedese che osserva il commercio delle armi, ha registrato per il periodo 2012/2016 una crescita dell’8,6%. Cercasi disperatamente “pacifista pronto a sostenere papa Francesco”.

    La vignetta della settimana