• RIFORMA TERZO SETTORE
    Assiprov, che rappresenta la società civile, incontra politici e amministratori

  • SICUREZZA
    Alla Cna un incontro sul piano del Comune contro i furti

  • COMUNIONE E LIBERAZIONE
    Venerdì 24 messa nel 12esimo anniversario della morte di don Luigi Giussani

Editoriale

Un abbraccio che riempie il cuore

Le parole di Antonella Riccardi, la madre adottiva del ragazzo di 16 anni che recentemente si è suicidato gettandosi dalla finestra, durante una perquisizione della Guardia di Finanza nella sua stanza, hanno stupito e commosso tutti: “Fai buon viaggio piccolo mio e perdonami, per non essere stata capace di colmare quel vuoto che ti portavi dentro da lontano”. Tutti conoscono quel vuoto, che ci abita dentro e che prende il volto di inquietudine, insoddisfazione e a volte disperazione. Forse da qui bisogna ripartire per comprendere la Quaresima che sta per cominciare, un tempo che ha ancora qualcosa da dire a tutti, credenti e non. In tanti si metteranno ancora in fila davanti al sacerdote che, dopo aver benedetto le ceneri, le imporrà sul capo delle persone ripetendo le parole “Ricordati che sei polvere e in polvere tornerai”.


Giovanni Amati

Clicca qui sotto per continuare la lettura

Il tempo per convertirsi all’essenziale

Mercoledì 1 marzo, con il rito delle ceneri, inizia la Quaresima. Alle 19.30 messa del Vescovo in Cattedrale

Il focus di questo numero è dedicato alle proposte della Chiesa diocesana per il cammino di preparazione alla Pasqua. La Caritas invita a vivere il tempo favorevole alla conversione nell’attenzione ai fratelli, in particolare i poveri.
Tra gli appuntamenti di preghiera, la Lectio divina nella chiesa delle clarisse in San Biagio tutti i sabati alle 20.30. Ogni lunedì, dal 6 marzo, si svolge alle 20.45 nella Sala Melozzo la scuola di formazione all’impegno sociale e politico.

La Via Crucis è una delle preghiere caratteristiche del tempo di Quaresima. Nella foto una edizione in centro storico

Il pizzicotto

Critica a fin di bene

Avviso ai naviganti della rete. Secondo un sondaggio della società Swg alla domanda: “Ti capita di leggere in internet contenuti che poi scopri essere notizie false o bufale”, il 57% degli intervistati risponde: “Sì, sistematicamente” e il 39%: “Qualche volta”. Sono lontani i tempi in cui si diceva: “L’ho letto su internet”.

La vignetta della settimana